Avis-no borders, one heart

WhatsApp Image 2018-11-12 at 10.34.1445662324_1936262443121299_3359122754317058048_n

I just return from Morroco….I let there the sun the sand, the camels,the happy people, the beautiful places, the arhitectures and my friend Saida….the morrocan girl who made the SVE last year at AVIS. She made our experience in Morroco to be amazing.WhatsApp Image 2018-11-12 at 10.35.59

In my trip to Morroco I was with my tutor from here, Danila Fiume and with my sister, Alexandra Labes ex volunteer from Avis . We had such an great time togheter! We made shopping in the Great and Big Bazar Souk Medina, we bought sweets, olives, hand made jewelry, hand made carpets, everything there is hand made and the food BIO. Thanks to Saida who all the time negotiated with them,we took at the corect price.WhatsApp Image 2018-11-12 at 10.35.59 (1)

We was also in desert and let me tell you, the desert it’s somethig magical! The sky from the desert it’s so different from the sky from big cities…we stayed one night in desert with nomads who prepered for us the dinner, campfair and tea, they was singing for us african music…everything was just magical. I stayed all the night out looking at the sky because this kind of experience its just for one time in life ( or not, I hope to come back soooooon).WhatsApp Image 2018-11-12 at 10.36.00

Also we visited other cities, Ourzazate, city where was made it a lot of famous movies, Zagora , Atlas mountains! We saw how people live there, and I will let the photos to speaks for you. No water no electricity, but a lot of happines.WhatsApp Image 2018-11-12 at 10.36.01

Avis, no borders , one heart…strong friendship! Tre ragazze Alexandra ex volontaria di Avis 2016-2017, Saida ex volontaria di Avis 2017-2018, Me volontaria di Avis 2018-2019 e nostra tutore Danila Fiume in Marrakech, un grande aventura!WhatsApp Image 2018-11-12 at 15.22.49

 

Annunci

Il mio inizio

Mi chiamo Antonio Aracil Delgado, sono un ragazzo spagnolo della città di Elche, al sudest della Spagna.

Innanzitutto devo dire che sono un ragazzo tranquillo, abituato a piccole città e paesi. Ho fatto l’Erasmus a Siena due anni fa e il resto della mia vita ho vissuto, lavorato e studiato sempre nella mia città.

Per me quel anno studiando in Italia è stato il miglior anno della mia vita tanto per l’esperienza di vivere fuori dal mio paese come per tutto quello che ho imparato e tutte le amicizie che ho fatto. Italia quel anno è rimasta nel mio cuore e sapevo che volevo tornare.

Dopo due anni fuori e dopo aver finito la mia laurea di Business Administration volevo cambiare di nuovo l’aria, fare qualcosa di utile per qualcuno ed anche per me. Ho cercato e visto diversi progetti e dopo qualche mese mi è saltato fuori l’opportunità di venire qua a Milano a lavorare con Avis Regionale Lombardia. Mi è piaciuto tanto il progetto come il paese e non l’ho pensato due volte.
Ora ci troviamo qua Diana una ragazza Rumena ed Io, dopo un mese che ci è successo di tutto, cercando ancora di abituarci a questa immensa metropoli chiamata Milano ed a la sua folle ma anche allo stesso tempo, godendo la sua bellezza e tutto ciò che ci offre.

E inoltre continuando a imparare tutto su di Avis e tutto quello che c’è intorno, come funziona e a tutte le persone che lavorano per far funzionare questa grande organizzazione.

 

_20181105_161414.JPG

MY FIRST EVS

Hello, my name is Labes Diana Cristina,I am from Romania, I have 25 years and I am an volunteer on Avis Regionale Lombardia Italy.WhatsApp Image 2018-11-05 at 11.29.01

Why Italy? Why Avis? Why volunteer? Waaaaaait, we will have time to talk about this! But first I need to tell you, from my family,  wich is formed by one DAD one MOM, 3 CHILDREN, 2 CATS and 2 DOGS, im the second one who made part of this program! My big sister Alexandra was involved in the same project in 2016, so now you can understand better why im here! Hope in the future also my little sister to have the same experience because with my hand on my heart I can tell you this will change all your life.

I share the apartment with an volunteer from Spain, Antonio Aracil Delgado, he is an nice boy, the same age like me! He is an great persone, he help me so much because he speak italian an I don’t! I just understand but not speaking, for the moment! Hope we will be very good friends and we will have great memories togheter on this year here, in Italy….and I m sure we will have…..

Why Italy? For me Italy is the most beautiful country that I ever visited, and believe me I visited a loooooot. For sure all the countries are beautiful and unique and fall in love with them but Italy has something that I can’t explain in words, everywhere where you go or where you look it’s something that make you say “ Che bellllllo”, I found so many types of arhitecthure so many museums, the history is everywhere! Now let’s go to the serious part….THE GORGEOUS FOOD OF ITALY wich for me it is fantastic, pizza, focaccia, mozzarela, parmesano, pastas, gelato and the list can continueeeee and my killos for sure!

Why Avis? I know about AVIS because of my sister, as I told you she was the firs member of our family who joined to this big family, and when I say family believe me its for real. When I must to choose an organization to do my volunteer work, for sure I wanted AVIS, and I did it, look at me now, im here, with them, with my family from Italy, with people with big hearts! In the office I meet Laura, wich is an amazing woman with an very strong character! Andrea, wich is the” man with the money”, or the accountant of the office, he help us very much, he is all the time with an smile on his face wich is great! Danila, my tutor, my friend, with her we work and we do a great team! I feel her very near to me, for that I assume to call her MY FRIEND! She is amazing and a very selective woman, just love it! Daniela, the secretary its that kind of woman with an beautiful voice and all the time she is speaking nice and she smile, she has an good energy and she just share it to us with an simple smile. I can’t forgive Luigi and Elio, for sure not! Luigi is an old man with an young heart, he was the one who help us when we moved to the new apartment, also he give us 3 paints for our new home! Grazie Luigi!!!!!!!!  Elio is the vice-president and I compare him with my father, full of energy, making jokes all the time and he just loves to eat!  He preperd for us the dinner in one Sunday! Well, I just must to say, I m little, 1,55 m and skinny,or for Elio SUPER SKINNY soooooo on one Sunday Elio invited at his home, we accepted, for sure…..so first Apperitivo, second soup ( for me was enough) , after soup, pastas,delicious pastas with tomatos from Elio garden. I was thinking was the last meal, because I was FULL. When we finished to eat the pastas, surprise, Elio said to us” now will come the most important thing, the meat,potatos and the zuchiniiiiiiii”. I was in shock, but to shy to say noooo I can’t i’m full…. So I ate…. I was feeling like a balooooon….. sooo what do u think???? The dinner was finished? NOOOO!!!!! The salad comes! And the desert……I left the house of Elio with 2 Killos more :J ! Also he think i’m to skinny and I must to eat more, maybe because of that the dinner was so consistent! haha. But what i want to say it’s that he treats us like we was his kids and i really appreciate this!WhatsApp Image 2018-11-05 at 11.29.17

Why Volunteer? I think everybody must to do that, everybody should try to do this kind of work without expecting nothing. I m in Italy just from one month and I m still accommadating here, I m still meet new people, but it’s such an nice feeling when I see so many volunteers that work for AVIS and I know im one of them…..

Also I miss my country and my family! But the one that I miss more and more is my dog, my baby boy! I m so sad because I can’t explain him that I m here because I must to be here for me and to find myself in this year, I can’t tell him that I didn’t left him and that I will come back soon to play and cuddle and spoil togheter!

I let for you guys one photo with my baby boy, so now you can understand me better when I m saying why I miss him soooo much!
Continua a leggere

Saluti dai volontari SCN 2017/2018

Ciao, sono Arianna Perego,  volontaria del Servizio Civile Nazionale presso l’Avis Provinciale Monza e Brianza. Purtroppo la mia avventura sta per terminare, ma sono molto soddisfatta del risultato. Avevo scelto Avis come associazione in cui svolgere il SCN perché era una realtà che già conoscevo; essendo volontaria nella sede  Avis Comunale di Nova Milanese. Mi aveva interessato subito il progetto di andare nelle scuole e diffondere il nome di Avis e l’importanza della donazione. Sono andata in molte scuole elementari, qualche  scuola media e una scuola superiore. Il servizio civile a me è servito molto per capire cosa fare nel mio futuro. Penso sia un’esperienza che ti insegna molto, che ti permette di incontrare persone nuove e di divertirti molto. Ringrazio Avis per avermi dato questa possibilità.

Anna Perego, Volontaria SCN Avis Provinciale Monza e Brianza

È trascorso un anno dalla mia decisione di intraprendere il percorso del Servizio Civile presso Avis Lombardia.

È stato un anno particolare, un anno di cambiamenti e di considerazioni.

Ad ottobre del 2017 non solo ho cominciato questa avventura del Servizio Civile ma sono entrato anche nel mondo dell’indipendenza. Da ottobre ho cominciato a vivere da solo, la mia vita è completamente cambiata, completamente autonoma, tutto dipende esclusivamente da me.

Durante questa esperienza non è sempre stato facile incastrare i vari lavori tra di loro: Servizio Civile, Addetto Sala al Teatro Grande di Brescia e Doppiaggio.

Il Servizio Civile è qualcosa che inizialmente avevo sottovalutato, lo ritenevo una potenziale esperienza interessante ma non sentivo un reale stimolo rivolto al volontariato, era più un bisogno materiale.

Ciononostante volevo fare un’esperienza prima di gettarmi al 100% nel mondo del lavoro e precludermi questa possibilità, volevo sentirmi utile.

Ogni cosa non è come uno se la aspetta, inizialmente pensavo che essendo un’esperienza di volontariato sarei stato a contatto con le persone e, nel caso di Avis, con i donatori di sangue.

Pensavo che sarei stato in costante movimento a fare promozione, a spiegare alla gente cos’è Avis e perché è importante il dono del sangue. Ma così non è stato, almeno non principalmente.

Una cosa che ho imparato in questo anno in Avis Regionale è vedere le cose nella giusta prospettiva. Nella mia ignoranza pensavo che stare in ufficio di fronte ad un computer fosse una perdita di tempo in termini di volontariato, che la differenza la fa chi si sporca le mani, chi va sul campo, chi è in prima linea.

In realtà non è così, o meglio, non solo; ho cominciato a riflettere sul lavoro che svolgo: mi occupo di riprese, di montaggio video, di elaborare la cartella stampa, di rispondere al telefono, di concepire la struttura di volantini pubblicitari riguardo eventi Avis e, dopo qualche mese, ho avuto la possibilità di fare lo Speaker volontario per Radio Sivà, la webRadio di Avis, insieme ad Avis Nazionale.

Ciò che ho fatto mi ha aiutato a crescere, a maturare; e penso che l’obiettivo del Servizio Civile sia proprio questo: non fermarti al tuo pensiero, non fossilizzarti, c’è un mondo pieno di cose che non conosci, che sottovaluti e che puoi scoprire se decidi di impegnarti.

Con il Servizio Civile ti metti al servizio degli altri, della società e quindi anche di te stesso.

Michele Botta, Volontario di SCN Avis Regionale Lombardia

Non avrei mai pensato che sarei stata cosi felice di aver fatto questa esperienza. Nella mia vita ho preso diverse decisioni che mi hanno aiutata a crescere e questa è una di quelle più significative.

Mi ricordo ancora il giorno in cui decisi di fare domanda all’AVIS Provinciale di Brescia, con diversi timori, ansie, aspettative. Ricordo il giorno del colloquio in AVIS Regionale, poi quello in AVIS Provinciale, dove ho conosciuto persone che da ottobre mi avrebbero aiutato a capire cosa significa lavorare, impegnarsi, mettersi in gioco, essere veramente responsabili in quello che si fa senza vergognarsi, e anche l’importanza di aver un rapporto di fiducia/amicizia con i colleghi.

I miei primi giorni in AVIS sono stati forse i più complicati, ma sicuramente i più intensi e significativi momenti di tutto il mio Servizio Civile. In quei giorni ho dovuto imparare a svolgere i ruoli che mi sarebbero stati affidati nei mesi successivi.

Per prima cosa dovevo gestire diverse parti del progetto scuola (Piacere AVIS e tu?), tra cui la calendarizzazione degli interventi, le chiamate con le sezioni e le scuole, il back office, ossia preparare i materiali per i vari interventi, e a diventare una formatrice del progetto.

Poi, ho supportato gli operatori della segreteria nella ricezione di chiamate dai donatori. Il mio ruolo era praticamente quello di ricevere le chiamate, rispondere alle domande dei donatori, ove possibile, o smistarle alle altre segretarie o ai medici, in caso di domande mediche.

Altro compito fondamentale in AVIS è stato l’essere presente agli eventi del Gruppo Giovani e supportare il Gruppo durante le riunioni organizzative. In questo modo ci si rende conto di come questa organizzazione sia legata in primis ovviamente al tema della donazione gratuita, spontanea e anonima, ma anche a promuovere uno stile di vita sano, a essere volontario nella vita.

Fare Servizio Civile in AVIS ti aiuta ad acquisire diverse abilità: la prima è sicuramente quella organizzativa (svolgere attività di back office, di segreteria), poi comunicativa (riuscire a interagire con le sezioni e con i rappresentanti scolastici nella maniera corretta non è per niente facile) e di problem solving (perché nelle varie attività che fai, ti assumi responsabilità e se sbagli devi avere le capacità di saperle risolvere).

Ciò che più porterò nel cuore di questa esperienza sono i diversi legami che ho stretto, con gli altri formatori del progetto scuola e con tutti i componenti dell’Avis a livello provinciale.

Silvia Chinelli, Volontaria SCN Avis Provinciale Brescia

Oggi  10 ottobre è terminato il mio anno di servizio civile presso Avis Comunale Milano. Sembra ieri quando ho iniziato questo progetto, eppure è già passato cosi tanto tempo… È stato un anno magnifico, ricco di avvenimenti ed eventi che mi hanno permesso di legare con tante persone e di tutti i tipi, dai medici agli infermieri, dai miei formatori ai segretari fino ai presidenti e gli associati delle altre Avis, etc etc… Tutte persone stupende e di gran cuore che con la loro dedizione e sensibilità mi hanno insegnato cosa vuol dire far parte del mondo Avis, di come è bello far del bene alle altre persone e pensare al prossimo… Terminato quest’anno mi sento una persona più ricca a livello spirituale e sociale, mi sento di essere cresciuto e maturato nel profondo e lo devo alle persone che mi sono state vicine e con cui ho passato momenti indimenticabili… Non posso far altro che ringraziarle e promettere che le porterò sempre nel mio cuore ovunque andrò… Grazie davvero di tutto e spero che tutte le persone possano essere così fortunate da fare un esperienza del genere… Un abbraccio grande grande con la speranza e la consapevolezza che non vi scorderó mai…

Samuel Avantaggiato, Volontario SCN Avis Comunale Milano

 

 

Notizie dalla Danimarca

Pubblichiamo il post che ci ha inviato il volontario SVE in invio in Danimarca.

Il mio nome è Manuel, o per come mi presento ora, Manojit. Manojit è il mio nome spirituale, datomi quando fui iniziato alla pratica della meditazione Tantrica, il giorno della mia seconda nascita, oserei dire.

Mano in sanskrito significa “mente”, Jita significa “Colui che controlla” o “Ciò che non può essere controllato”. Dunque il significato del mio nome è “Colui che ha controllo sulla propria mente, o “La mente che non può essere sconfitta”. A questo nome do grande importanza perché rappresenta a pieno il mio attuale percorso spirituale.

Tutto iniziò quando, grazie soprattutto ad Avis Lombardia, si realizzò la possibilità di trascorrere 10 mesi in Danimarca come SVE in un centro di meditazione, che è però anche una fattoria e un centro di apprendimento in diversi campi.

Sono sicuro in cuor mio che era destino che venissi qui, in quanto per un anno intero ho desiderato di ottenere ciò che sto ottenendo grazie a questo posto: libertà! Libertà però, sia chiaro, da ciò che mi turbava di più: depressione, negatività, paura, nessuno scopo nella vita.

Tutto questo è o sta svanendo pian piano ad Ananda Gaorii, una delle tante unità di Ananda Marga sparse in giro per il mondo.

Ananda Marga è un’organizzazione socio-spirituale fondata da Prabhat Ranjan Sarkar nel 1955. Socio-spirituale? Vi starete chiedendo… Sì, la prima organizzazione (da non confondere con setta o culto o religione) che oltre a propagare la filosofia e la pratica spirituale nel mondo, si occupa in egual importanza al miglioramento delle condizioni della società odierna. Il nostro fondatore infatti, oltre ad essersi preoccupato di proporre un’intera filosofia Yogica basata su millenni di storia, ha posto grande attenzione alla nostra società e al sistema economico.

Sarkar ha creato così tanti rami dell’organizzazione, che mi servo di wikipedia per dirvi che Ananda Marga gestisce centri di yoga e meditazione, scuolecase per bambini, centri per la distribuzione di cibo, programmi di soccorso, ospedali, progetti di sviluppo comunitario integrato, e altri servizi gestiti dalle diverse branche. E in più Sarkar ha creato una teoria economica come alternativa al capitalismo e al comunismo, chiamata PROUT.

Dunque il motto di Ananda Marga è “Autorealizzazione e servizio a tutti”. In soldoni, ogni individuo si impegna a progredire personalmente sul campo spirituale, così da poter essere in grado di aiutare gli altri a fare lo stesso, senza aspettare niente in ritorno.

Perché tutto questo ambaradan sull’organizzazione? Beh altrimenti come fareste a capire perché questa è diventata la mia vita? Ora finalmente ho uno scopo, ho trovato quel tassello che mi tiene in vita e mi da una ragione per vivere ogni mio secondo: il servizio!

Grazie a questa esperienza che sto tutt’ora vivendo, ho capito che ciò che mi rende veramente felice è aiutare gli altri in qualunque modo e nel mentre impegnarmi a continuare la mia scalata spirituale.

E’ simpatico pensare che, da pigro nulla-facente, in un anno sono diventato uno che non riesce a stare senza lavorare, lavoro inteso come servizio, senza farlo necessariamente per uno stipendio, ma per la gioia di farlo, gioia che spesso si nasconde anche nei lavori più duri!

E’ per questo che ora, oltre a SVE, sono impegnato nell’organizazzione nel ruolo di LFT (local full timer), nel cui mi dedico a vivere la vita da monaco seguendo questo stile di vita con tanto di sacrifici, routine, stile di vita, pratiche e dedizione al servizio!

Parte del mio servizio è impegnarmi totalmente affinché gli altri abbiano la possibilità di fare esperienza della spiritualità e dei suoi insegnamenti, soprattutto attraverso meditazione, studio della filosofia e Asanas (yoga posturale). Pertanto, ora sono felicemente coinvolto a fare da assistente durante gli annuali Corsi Insegnanti Yoga che si tengono ad agosto e capo insegnante negli “in-house Yoga teacher tranings” che offriamo ai volontari a lungo termine.

Questo è essenzialmente ciò che mi ha tenuto impegnato ogni giorno, che sia preparazione, studio o lezioni, per tutta la durata dell’estate. Finalmente ora posso dedicarmi un po’ al lavoro all’aperto nell’orto… ebbene sì! Abbiamo un bell’orto in cui coltiviamo tante cose in diverse stagioni e che di cui si prendono amorevolmente cura alcuni dei nostri volontari con più esperienza.

Ad Ananda Gaorii sono tantissime le opportunità per sporcarsi un po’ le mani divertendosi insieme ad altri volontare da tutto il mondo, tra cui giardinaggio, cura dell’orto, aiuto in costruzione e rinnovamento, pittura, riparazione delle biciclette, reclutamento di nuovi volontari, SVE e non, cucina, pulizia, marketing, design e grazie ai nostri corsi, anche insegnamento dello Yoga posturale al pubblico e ai volontari.

Ciò che fa da colla per la comunità, tutta via, e la nostra routine di meditazione due volte al giorno, lezioni di filosofia, giochi insieme il fine settimana, il film del dopo cena, i meeting, i “sharing circles” e la voglia di aiutare, divertirsi e di condividere.

Che dire, chi non vorrebbe passare da qui?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: